Questo sito fa uso di cookie. Proseguendo nella navigazione acconsenti all'uso di tali cookie. Leggi la nostra privacy policy.
Loading...

Fondo Rosi Braidotti

Oltre 150 volumi donati dalla filosofa all’Associazione Orlando.

Rosi Braidotti Latisana, Udine 1954 – vivente.

Rosi nasce nella bassa friulana. Ha un fratello e una sorella più piccoli e compie i primi anni di studi al Liceo Classico di Udine. Nel 1970 la sua famiglia decide di emigrare in Australia e Rosi lascia nonni, cugini e amici con grande dolore per affrontare un lungo viaggio in nave per non si sa dove. Non conosce una parola di inglese, comincia a studiarlo durante i quaranta giorni di traversata; dopo molti scali e avventure, arriva in un poco accogliente sobborgo per emigrati italiani di Melbourne dove cercherà faticosamente di ambientarsi e ricucire un nuovo modo di vivere. Questo sradicamento procura un grande dolore nella adolescente Rosi, ma porrà i fruttuosi semi di una promettente carriera di “filosofa del nomadismo”. Si laurea all’Università di Canberra nel 1977 conseguendo immediatamente due importanti riconoscimenti: la University Medal in Philosophy e l’University Tillyard Prize. Con una borsa di studio si trasferisce a Parigi per il Dottorato in Filosofia alla Sorbona, che ottiene nel 1981.
Parigi è un crogiuolo di avvenimenti e occasioni e gli anni trascorsi lì sono cruciali per la sua formazione filosofica ed esistenziale: conosce infatti Foucault, Barthes, Simone de Beauvoir e Luce Irigary, ma soprattutto Gilles Deleuze con il quale darà vita a un duraturo sodalizio teorico. A Parigi incontra anche il femminismo e la psicoanalisi che imprimeranno un’ulteriore svolta al suo pensiero.
Nel 1988, a soli 34 anni, ottiene la prestigiosa cattedra – la prima in Europa – di Women’s Studies nell’antica e blasonata Università di Utrecht, in Olanda, mentre nel 1995 fonda e dirige la Netherland Research School of Women’s Studies, incarico che manterrà fino al 2005. In questo volgere di anni Rosi si può considerare una delle fondatrici degli studi di genere in Europa, l’iniziatrice di network europei come ATHENA e NOISE e una delle femministe teoriche più significative. Fondamentali, in questo senso, le sue opere: Patterns of DissonanceNomadic Subjects: Embodiment and Sexual Difference in Contemporary Feminist TheoryMetamorphoses: Towards a Materialist Theory of BecomingTranspositions: On Nomadic Ethics.
Nel 2005 diviene Distinguished Professor in the Humanities e direttore del nuovo Centre for the Humanities dell’Università di Utrecht.
L’8 marzo 1998 grazie ad una nuova legge del governo olandese ha potuto sposare la sua compagna di vita Anneke Smelik docente di Visual Art all’Università di Nijmegen, con una cerimonia toccante, seguita da una bellissima festa con famiglie e amici arrivati da ogni angolo del mondo.
Rosi è cittadina italiana e australiana ma risiede stabilmente in Olanda; figura fondamentale nella scena culturale europea e internazionale a cavallo dei due secoli, è una pensatrice originale ed eccentrica nell’ambito della filosofia femminista, dell’epistemologia, del post strutturalismo e della psicoanalisi, ed ha saputo coniugare un grande rigore di studio con una intensa generosità nelle relazioni d’amicizia e d’amore.
A cura di Annamaria Tagliavini. 

Tutte le informazione aggiornate su Rosi Braidotti – note biografiche, progetti, pubblicazioni, collaborazioni – sono disponibili su rosibraidotti.com

Il Fondo Braidotti alla Biblioteca Italiana delle Donne

Composto da oltre 150 opere di filosofia femminista contemporanea, è frutto delle regolari donazioni da parte della filosofa Rosi Braidotti all’Associazione Orlando. All’interno di questo fondo si trovano perlopiù trattati filosofici e saggistica femminista di vario genere, in lingua italiana e in varie altre lingue (inglese e olandese in particolare), nonché diverse pubblicazioni accademiche edite presso facoltà e dipartimenti universitari dedicati ai Women’s Studies presenti in diversi paesi. I temi più affrontati nelle opere della donazione Braidotti sono naturalmente i temi di cui la studiosa si è più occupata: filosofie femministe; Women’s, Gender and Queer Studies; etica e politica; corporeità e soggettività.

La Newsletter

Inviando il modulo si accetta il trattamento dei dati personali ai sensi del regolamento UE 2016/679 GDPR – General Data Protection Regulation. Le informazioni personali richieste non saranno in alcun caso pubblicate, comunicate o cedute a terzi, ma saranno utilizzate unicamente per permettere l’invio della newsletter e per fini statistici. Per ulteriori informazioni consulta l’informativa sulla privacy